Please wait...

covid-mascherine-oms.jpg

Per l’Organizzazione mondiale della sanità l’uso delle mascherine durante l’esercizio fisico può “ridurre la capacità di respirare e favorisce crescita microrganismi col sudore”

Le persone durante l’attività fisica “non devono indossare la mascherina quando si esercitano in quanto le mascherine possono ridurre la capacità di respirare comodamente”.

A dirlo è l’Organizzazione mondiale per la sanità che inoltre precisa come “il sudore può far bagnare la mascherina più rapidamente, il che rende difficile respirare e favorisce la crescita di microrganismi”.

Per questo l’Oms ricorda che la “misura preventiva più importante durante l’esercizio fisico è quella di mantenere una distanza fisica di almeno un metro dagli altri”.


IVA-912987.png

Come richiesto da tempo e in più occasioni da Federfarma (Associazione dei Titolari di Farmacia), è ormai ufficiale l’esenzione dell’IVA per la vendita di mascherine e di altri dispositivi medici e di protezione individuale effettuate dal 19 maggio (data di entrata in vigore del decreto) e fino al 31 dicembre 2020. Il via libera è arrivato con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del così detto D.L. “Rilancio” nella tarda serata di martedì. Le mascherine chirurgiche, soggette all’ordinanza sul prezzo imposto, saranno dunque d’ora in poi vendute in farmacia al prezzo di € 0,50 e non più 0,61.

L’esenzione Iva trova però applicazione anche su una serie di altri beni dispensabili nelle farmacie: mascherine Ffp2 e Ffp3; articoli di abbigliamento protettivo per finalità sanitarie quali guanti in lattice, in vinile e in nitrile, visiere e occhiali protettivi, tuta di protezione, calzari e soprascarpe, cuffia copricapo, camici impermeabili, camici chirurgici; termometri; detergenti disinfettanti per mani; dispenser a muro per disinfettanti; soluzione idroalcolica in litri; perossido al 3% in litri; strumentazione per diagnostica per Covid-19; tamponi per analisi cliniche; provette sterili.


mascherine1.jpg

E’ trasversale la difesa della politica verso i farmacisti accusati, qualche giorno fa dal Commissario Arcuri, di avere responsabilità nella penuria di mascherine da vendere a 0,50 più iva, cioè a 0,61€.

“I farmacisti anche in questa emergenza – ha dichiarato l’ex ministro della Salute, Beatrice Lorenzin – sono stati sempre presenti e in prima linea, rischiando, a volte, la  propria salute, non solo espletando l’essenziale funzione di  distributori di farmaci ma anche assolvendo il delicato compito di  stare al fianco dei cittadini, non facendoli sentire mai soli, non  solo secondo le indicazioni del governo ma spesso anche con iniziative individuali”. Ed ha aggiunto: “assimilarli a meri esercizi commerciali o scaricargli  responsabilità non proprie non aiuta il complesso lavoro dei prossimi giorni. Ricordo che le farmacie, nei piccoli borghi unici presidi di  salute, sono una infrastruttura essenziale per il Servizio sanitario  nazionale e durante l’epidemia hanno spesso svolto un ruolo di  riferimento per queste comunità. Sono certa che, anche a rischio  dell’incolumità personale, continueranno ad esserlo senza indugi anche nella fase due e tre”.

“L’ideologia grillina dimostra tutta la  sua inadeguatezza – ha spiegato Silvio Berlusconi ospite di ‘Fuori dal coro’ di  Mario Giordano su Retequattro – ma il problema non sono solo i 5 Stelle, perché  tutto il governo delle quattro sinistre è prigioniero di una visione  statalista che è del resto nella sua natura. Ma questa logica non  funziona mai, neanche nelle piccole cose, come il prezzo fissato delle mascherine a 50 centesimi. Secondo loro doveva servire ad evitare  speculazioni su un bene diventato di prima necessità. Invece è  successo che le mascherine sono sparite dalle farmacie e dal mercato.  Questi del governo non conoscono neppure le leggi più semplici del  mercato”. “Il mercato globale -ha sottolineato ancora il Cav- ha le sue regole, i  produttori non vendono più le mascherine all’Italia perché a quel  prezzo non sarebbe conveniente produrle e poi perché ci sono altri  Stati che le comprano a un prezzo maggiore. Noi avevamo detto che  doveva essere lo Stato a comprarle al prezzo di mercato o a produrle  direttamente in Italia, oppure distribuirle anche gratis attraverso le farmacie a chi ne ha bisogno. Ma non ci hanno ascoltato come è  successo in molte altre cose. Questo governo oltre ai pregiudizi  ideologici ha dimostrato incompetenza e approssimazione in tutti i  settori”.

E anche Italia Viva fa chiarezza sugli attacchi alle farmacie. “Il commissario all’emergenza Arcuri – dichiara in una nota il senatore, Mauro Marino – punta il dito sulle farmacie per difendersi, per non dover ammettere, al momento, il fallimento su tutta la linea nella produzione e nell’approvvigionamento di mascherine”. “I farmacisti hanno garantito per tutta l’emergenza l’apertura di un presidio territoriale fondamentale per la tutela delle persone, hanno pagato un tributo al virus di 17 morti e oltre mille contagiati”, aggiunge Marino. “Le mascherine, al contrario di cosa dice Arcuri, non si trovano neanche nei supermercati, come ha verificato Cittadinanzattiva. Perché il problema è alla fonte. E’ l’ora delle responsabilità e delle soluzioni, non dello scaricabarile. Dobbiamo tirare tutti dalla stessa parte, quella del bene del Paese”.

E’ Giuseppe Chiazzese, deputato grillino, a chiedere di “supportare e ringraziare i farmacisti per il loro ruolo fondamentale in questa emergenza. Professionisti che continuano a lavorare instancabilmente con efficacia e generosità, offrendo un ottimo servizio a tutti i cittadini in qualunque parte del nostro Paese. I farmacisti – continua – hanno avuto il compito di stare accanto alle persone, prima come esseri umani e poi come qualificati professionisti sanitari, sopperendo anche a disfunzioni del sistema che hanno prontamente provveduto a colmare, diventando anche un punto di riferimento per la comunità”. E poi una precisazione. “Come appartenente alla categoria ho trovato poco eleganti le parole del commissario Arcuri sulla questione delle mascherine, specialmente in un momento dove la categoria ha pagato un grande tributo all’emergenza Covid -19, con 17 farmacisti deceduti e circa un migliaio contagiati. Tutti noi siamo certi che anche in queste cruciali fasi successive, i farmacisti continueranno ad essere punto di riferimento indispensabile per i cittadini italiani”.


mascherine-indossare.jpg

L’ultimo Dpcm in vigore prevede l’obbligo di indossare le mascherine negli spazi chiusi o all’aperto quando non è possibile mantenere la distanza di sicurezza. Possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte. Ma come vanno usate? Come conservarle e smaltirle? Come lavarle? Ecco tutti i consigli degli esperti dell’Iss per garantire il corretto utilizzo di questo prezioso strumento di prevenzione.

Le mascherine, in base al DPCM del 26 Aprile scorso sono divenute obbligatorie negli spazi confinati o all’aperto in cui non è possibile o garantita la possibilità di mantenere il distanziamento fisico. L’obbligatorietà dell’uso in alcune Regioni è stata estesa anche ad altri contesti.

In base al comma 2 dell’articolo 3 dello stesso DPCM “possono essere utilizzate mascherine di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un’adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso”.

Le mascherine rappresentano una misura complementare  per il contenimento della trasmissione del virus e non possono in alcun modo sostituire il distanziamento fisico, l’igiene delle mani e l’attenzione scrupolosa nel non toccare il viso, il naso, gli occhi e la bocca.

Di seguito ecco alcune FAQ sul corretto utilizzo e le funzioni delle mascherine in questa fase epidemica.

1) Che differenza c’è tra le cosiddette mascherine di comunità e le mascherine chirurgiche? Le mascherine chirurgiche sono le mascherine a uso medico, sviluppate per essere utilizzate in ambiente sanitario e certificate in base alla loro capacità di filtraggio. Rispondono alle caratteristiche richieste dalla norma UNI EN ISO 14683-2019 e funzionano impedendo la trasmissione. Le mascherine di comunità, come previsto dall’articolo 16 comma 2 del DL del 17 marzo 2020, hanno lo scopo di ridurre la circolazione del virus nella vita quotidiana e non sono soggette a particolari certificazioni. Non devono essere considerate né dei dispositivi medici, né dispositivi di protezione individuale, ma una misura igienica utile a ridurre la diffusione del virus SARS-COV-2.

2) Quali sono le caratteristiche che devono avere le mascherine di comunità? Esse devono garantire una adeguata barriera per naso e bocca, devono essere realizzate in materiali multistrato che non devono essere né tossici né allergizzanti né infiammabili e che non rendano difficoltosa la respirazione. Devono aderire al viso coprendo dal mento al naso garantendo allo stesso tempo confort.

3) La mascherina è obbligatoria anche per i bambini? Dai sei anni in su anche i bambini devono portare la mascherina e per loro va posta attenzione alla forma evitando di usare mascherine troppo grandi e scomode per il loro viso.

4) È possibile lavare le mascherine di comunità? È possibile lavare le mascherine di comunità se fatte con materiali che resistono al lavaggio a 60 gradi. Le mascherine di comunità commerciali sono monouso o sono lavabili se sulla confezione si riportano indicazioni che possono includere anche il numero di lavaggi consentito senza che questo diminuisca la loro performance.

5) Quali mascherine devo usare nel caso in cui compaiano sintomi di infezione respiratoria? Nel caso in cui compaiano sintomi è necessario l’utilizzo di mascherine certificate come dispositivi medici.

6) Come smaltire le mascherine?
• Se è stata utilizzata una mascherina monouso, smaltirla con i rifiuti indifferenziati;  
• se è stata indossata una mascherina riutilizzabile, metterla in una busta e seguire le regole per il suo riutilizzo dopo apposito lavaggio.

ISTRUZIONI PER L’USO

Prima di indossare la mascherina 
• lavare le mani con acqua e sapone per almeno 40-60 secondi o eseguire l’igiene delle mani con soluzione alcolica per almeno 20-30 secondi;  
• indossare la mascherina toccando solo gli elastici o i legacci e avendo cura di non toccare la parte interna; 
• posizionare correttamente la mascherina facendo aderire il ferretto superiore al naso e portandola sotto il mento; accertarsi di averla indossata nel verso giusto (ad esempio nelle mascherine chirurgiche la parta colorata è quella esterna);
 
Durante l’uso 
• se si deve spostare la mascherina manipolarla sempre utilizzando gli elastici o i legacci; 
• se durante l’uso si tocca la mascherina, si deve ripetere l’igiene delle mani; 
• non riporre la mascherina in tasca e non poggiarla su mobili o ripiani; 
 
Quando  si  rimuove 
• manipolare la mascherina utilizzando sempre gli elastici o i legacci;
• lavare le mani con acqua e sapone o eseguire l’igiene delle mani con una soluzione alcolica;
 
Nel caso di mascherine riutilizzabili
• procedere alle operazioni di lavaggio a 60 gradi con comune detersivo o secondo le istruzioni del produttore, se disponibili; talvolta i produttori indicano anche il numero massimo di lavaggi possibili senza riduzione della performance della mascherina.
• dopo avere maneggiato una mascherina usata, effettuare il lavaggio o l’igiene delle mani.


spot-mascherina-uso-.jpg

L’uso della mascherina è una precauzione per proteggere la nostra salute  e quella degli altri che ci accompagnerà anche per questa fase 2.

Un video spot del Ministero della Salute, in onda sui canali radio e tv della Rai, spiega quando indossarla e come usarla in sicurezza.

Queste le tre semplici regole  ricordate dal ministero:

1) lava le mani prima di indossare la mascherina e utilizza gli elastici o le stringhe senza toccare la parte centrale;
2) copri bene bocca, naso e mento;
3) dopo averla tolta (senza toccare la parte centrale), lavati subito le mani.

La mascherina va indossata in tutti i luoghi chiusi e accessibili al pubblico e all’aperto quando non siamo sicuri di poter mantenere la distanza di almeno un metro da altre persone.  Il Ministero ricorda anche che l’uso della mascherina non sostituisce il rispetto delle regole di distanziamento sociale e l’igiene delle mani.

Guarda il filmato


logo footer

Via G. Nelli, 23 (angolo Piazza Montanelli)
50054 Fucecchio (FI)

Mail: info@farmaciaserafini.net

Tel: 0571 – 20027 (2 linee r.a.)
Fax: 0571 – 20027 (2 linee r.a.)

P.Iva 05439190488

Carte accettate

carte

Il Nostro Progetto

Logo Ivita Italia

Copyright farmacia Serafini 2016. Tutti i diritti riservati.