Please wait...

ventilatore-caldo-e1565440917193.jpg

Un dubbio di grande attualità in questi giorni di canicola, al quale un gruppo di ricercatori australiani ha cercato di dare risposta attraverso uno studio clinico. Il verdetto è chiaro: il ventilatore è di grande aiuto per la salute e il benessere delle persone in presenza di caldo umido; può addirittura essere dannoso in condizioni ambientali di caldo secco.

Un grande classico dei dibattiti estivi – ma il ventilatore fa bene o male alla salute? – si arricchisce di un nuovo contributo, uno studio dell’università di Sidney pubblicato su Annals of Internal Medicine.

Gli autori dello studio muovono dalla considerazione che gli effetti devastanti dei cambiamenti climatici sono evidenti anche sulle ondate di calore. Terribili quelle che hanno investito Parigi nel 2003, facendo 4.870 morti e Mosca nel 2010 (860 decessi). Senza giungere a questi estremi, è evidente tuttavia che le estati, anche nel nostro Paese, sono sempre più roventi. E dunque, fanno bene i medici e il Ministero della Salute a consigliare ai cittadini di adottare una serie di misure anti-caldo, quali non uscire nelle ore più calde e idratarsi a sufficienza per evitare conseguenze anche serie per la salute.

Ma come difendersi dal ‘nemico’, dal gran caldo, all’interno delle abitazioni? Il rimedio vintage del ventilatore è sempre valido? Gli autori dello studio appena pubblicato muovono da una posizione piuttosto critica nei confronti di recenti linee guida internazionali, tra le quali quelle stilate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che suggeriscono tout court che i ventilatori potrebbero essere di scarso beneficio quando le temperature salgono sopra i 35 gradi.

I ricercatori dell’università di Sidney sono andati dunque a simulare le condizioni ambientali di un’ondata di calore per studiare cosa succede, se si utilizza un ventilatore elettrico, alla temperatura centrale (del cosiddetto core) di un individuo e quali ricadute può avere sullo stress cardiovascolare, sul rischio di disidratazione e sui livelli di comfort.

I risultati del loro studio dimostrano che in condizioni di grande afa e in presenza di  un indice di calore (heat index) di 56 gradi centigradi, i ventilatori elettrici sono effettivamente in grado di ridurre la temperatura centrale del corpo e lo stress cardiovascolare, oltre ad aumentare il comfort termico. Tuttavia, l’uso del ventilatore si rivela addirittura dannoso in presenza di temperature elevate se il clima è secco (corrispondenti ad un indice di calore di 46 gradi).

Insomma la situazione è più complessa di quanto previsto. Gli autori dello studio sottolineano la necessita urgente di fornire al pubblico dei consigli evidence-based per proteggerli dai danni delle ondate di calore. “I nostri risultati – afferma Ollie Jay, Faculty of Health Sciences and Charles Perkins Centre – suggeriscono che in condizioni ambientali come quelle che si sono verificate nel corso delle ondate di calore verificatesi negli Stati Uniti e in Europa, sarebbe bene raccomandare l’uso dei ventilatori, mentre le linee guida pubblicate dalla maggior parte delle autorità sanitarie appaiono dunque inutilmente conservative. E’ solo in presenza di temperature estremamente alte, con umidità ambientale molto bassa che l’uso dei ventilatori può risultare dannoso; ma queste condizioni si verificano sono in località qualità Phoenix e Las Vegas negli Usa e Adelaide in Australia”.

Gli autori dello studio hanno annunciato che nei prossimi mesi si dedicheranno ad esaminare la reale efficacia di una serie di strategie low-cost anti-caldo che potrebbero essere facilmente implementate in caso di ondate di calore da parte degli anziani, magari affetti da condizioni quali la cardiopatia ischemica. Lo stesso gruppo di studio sta valutando l’impatto che diversi farmaci possono avere sulle misure anti-caldo, eventualmente da consigliare al grande pubblico alla vigilia di un’ondata di calore.

L’indice di calore, che si esprime in gradi Farenheit, è una misura comunemente utilizzata in climatologia che descrive il disagio fisico generato dalla presenza di temperature elevate accompagnate da un alto tasso di umidità. Tanto maggiore è l’umidità infatti, tanto più l’organismo fatica a smaltire il calore.  L’indice di calore si calcola a partire dalla temperatura dell’aria e dall’umidità relativa. Esistono delle tabelle che descrivono i vari livelli di rischio corrispondenti agli indici di calore:
Tra 80° e 89°F (27°- 32° C) si consiglia cautela (possibile stanchezza in seguito a prolungata esposizione al sole e/o attività fisica);
Tra 90° e 104° F (32°- 40° C) si consiglia estrema cautela (possibile colpo di sole crampi da calore con prolungata esposizione e/o attività fisica)
Tra 105° e 129° F (41°- 54° C) situazione di pericolo (probabile colpo di sole, crampi da calore o spossatezza da calore, possibile colpo di calore con prolungata esposizione al sole e/o attività fisica.
Al di sopra dei 130°F (54°C): elevata probabilità di colpo di calore o colpo di sole, in seguito a continua esposizione.


Caldo.jpg

Scegliere scarpe traspiranti e un vestiario leggero e colorato in tessuti come il cotone, a cui aggiungere cappello e occhiali da sole e una crema solare resistente all’acqua con almeno 15 di fattore protettivo da applicare nuovamente ogni due ore. Evitare bevande alcoliche o con caffeina e continuare ad assumere tutti i farmaci come prescritto.

Queste alcune precauzioni per il caldo raccomandate a tutti dall’American Heart Association. Tra i suggerimenti anche rimanere idratati e fare pause regolari quando si è in giro, trovando un po’ d’ombra o un luogo fresco e fermandosi per qualche minuto. Per chi soffre di cuore è importante ricordare che le disidratazione fa sì che il cuore lavori di più, mettendolo a rischio, mentre mantenersi idratati lo aiuta a pompare più facilmente il sangue attraverso i vasi sanguigni verso i muscoli, facendoli lavorare in modo più efficiente.

Secondo Robert A. Harrington, presidente dell’American Heart Association, sebbene “alcuni farmaci cardiaci come Ace inibitori, sartani, i beta bloccanti, i calcio antagonisti e i diuretici, che riducono il sodio nel corpo, possano esacerbare la risposta del corpo al calore” non va interrotta la terapia.

È importante poi in generale conoscere i sintomi di un principio di insolazione: mal di testa, sudorazione intensa, pelle fredda e umida, brividi, capogiri o svenimento, crampi muscolari, respirazione veloce e superficiale, nausea, vomito o entrambi. Se si verificano questi sintomi, bisogna spostarsi in un luogo più fresco, interrompere eventualmente l’attività fisica e rinfrescarsi con acqua fredda e reidratandosi.

I sintomi di un colpo di calore vero e proprio sono invece pelle calda e asciutta senza sudorazione, confusione o incoscienza, febbre alta, mal di testa lancinante, nausea, vomito o entrambi.

ANSA


caldo1-680x365_c.jpg

Il sistema operativo è dislocato in 27 città italiane e consente di individuare, giornalmente, per ogni specifica area urbana, le condizioni meteo-climatiche a rischio per la salute, soprattutto dei soggetti vulnerabili: anziani, malati cronici, bambini, donne in gravidanza.

Prevenire gli effetti negativi del caldo sulla salute, soprattutto delle persone più fragili. È l’obiettivo della pubblicazione sul portale dei bollettini sulle ondate di calore in Italia che è stato attivato oggi in vista dell’inizio della stagione estiva.

I bollettini sono elaborati dal Dipartimento di Epidemiologia SSR Regione Lazio, nell’ambito del Sistema operativo nazionale di previsione e prevenzione degli effetti del caldo sulla salute, coordinato dal ministero. Vengono pubblicati, come ogni anno dal lunedì al venerdì, a partire da metà maggio fino a metà settembre.

Il sistema operativo è dislocato in 27 città italiane e consente di individuare, giornalmente, per ogni specifica area urbana, le condizioni meteo-climatiche a rischio per la salute, soprattutto dei soggetti vulnerabili: anziani, malati cronici, bambini, donne in gravidanza.

Le città monitorate sono: Ancona, Bari, Bologna, Bolzano, Brescia, Cagliari, Campobasso, Catania, Civitavecchia, Firenze, Frosinone, Genova, Latina, Messina, Milano, Napoli, Palermo, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rieti, Roma, Torino, Trieste, Venezia, Verona, Viterbo.

I bollettini sono consultabili anche attraverso la APP Caldo e Salute, realizzata dal ministero della Salute in collaborazione con  il Dipartimento di Epidemiologia del servizio sanitario della Regione Lazio – ASL Roma 1. La APP è disponibile online per dispositivi Android su Play Google e per iOS su App Store.

Dal portale del ministero è possibile scaricare numerosi Opuscoli relativi alle ondate di calore, rivolti alla popolazione generale e agli operatori del settore (medici, personale delle strutture per gli anziani, personale che assiste gli anziani).


logo footer

Via G. Nelli, 23 (angolo Piazza Montanelli)
50054 Fucecchio (FI)

Mail: info@farmaciaserafini.net

Tel: 0571 – 20027 (2 linee r.a.)
Fax: 0571 – 20027 (2 linee r.a.)

P.Iva 05439190488

Carte accettate

carte

Il Nostro Progetto

Logo Ivita Italia

Copyright farmacia Serafini 2016. Tutti i diritti riservati.